Arte, Concorsi, Cultura, digitale, Economia, Emilia Romagna, Eventi, Facebook, Formazione, Giovani, Imprese 2.0, Innovazione, Marketing, Partecipazione, Pubblica Amministrazione, Regioni, Ricerca, Social Network, Web 2.0

Bologna promuove Incredibol! Progetto per sostenere professioni creative, progetti start-up, sviluppo e innovazione

Incredibol! è:

  • indagine sul panorama dei progetti innovativi in Emilia-Romagna attraverso un bando per i nuovi artefici della creatività all’inizio della professione;
  • offerta di un kit di strumenti a supporto dei progetti innovativi: spazi gratuiti, contributi e strumenti per la crescita del settore economico più importante del futuro;
  • rete di partner formata da enti pubblici e privati, già attivi sul territorio cittadino e regionale con servizi di diverso tipo a favore dei giovani creativi che vogliono fare delle proprie idee una professione.
  • realizzato con il contributo di ANCI e Ministero della Gioventù e con la collaborazione di BAM – Bologna Art Managers, Governo Italiano (Ministro della Gioventù), Comune di Bologna (Area Cultura)

Informazioni e contatti:

Progetto Incredibol! – L’Innovazione Creativa di Bologna
Comune di Bologna, Area Cultura
via Oberdan 24, 40126 Bologna

www.incredibol.net
incredibol@comune.bologna.it
tel ++39 0512194661 | 4638 | 4663

il progetto e anche su:
facebook

Città, Concorsi, digitale, Emilia Romagna, Facebook, Imprese 2.0, Innovazione, Pubblica Amministrazione, YouTube

Appalti comunali senza carta (e imprese sempre più 2.0): importante innovazione pubblica a Reggio Emilia

Che l’innovazione sia di casa a Reggio Emilia è cosa risaputa (c’è anche una società pubblico/privata chiamata Reggio Emilia Innovazione), ma con il progetto “GareSenzaCarta” il Comune prospetta un bel balzo in avanti verso la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e verso un sistema di imprese sempre più 2.0.

Dopo i successi registrati con lo sbarco su Facebook (oltre 3.600 contatti), YouTube (35.000 visualizzazioni) e Flickr (26 pagine di foto), la “Città del Tricolore” (la bandiera italiana nacque a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797) si pone l’obiettivo di indire gare pubbliche solo online allo scopo di abbattere dell’80% i tempi delle pratiche e del 90% i costi di produzione e consumo di carta.

Il nuovo sistema, presentato dal sindaco Graziano Delrio, dall’assessore a Sviluppo economico e Innovazione Graziano Grasselli e da Enrica Montanari, responsabile dell’unità operativa Appalti e contratti del Comune, entrerà in vigore prevedibilmente a partire da ottobre 2010 e per un primo periodo interesserà soltanto le procedure negoziate per i lavori pubblici di importi tra i 150.000 e 500.000 euro, per poi essere esteso anche alle altre procedure di gara. Per partecipare alle gare le imprese dovranno semplicemente dotarsi della firma digitale rilasciata dalla Camera di Commercio e di apposite smart card simili alle carte di identità elettroniche, nonché avere attivato l’email certificata.

Il Comune di Reggio Emilia tenta di sfruttare al massimo le opportunità offerte dalle riforme introdotte dal ministro Renato Brunetta con il nuovo codice dell’Amministrazione Digitale. Il servizio permetterà anche di consegnare ogni sei mesi a consiglieri comunali, Camera di Commercio, associazioni di categoria e casse edili un report sulle aziende che hanno partecipato alle gare pubbliche, quelle che le hanno vinte, gli importi e le tipologie delle opere oggetto di gara.

Per arrivare a questo traguardo, il Comune è partito da una fase di ascolto, confronto e dialogo degli attori e del territorio iniziata nel 2009. Un questionario ad hoc venne proposto agli stakeholder locali (operatori portatori di interesse) per sondare l’interesse sul progetto, stimare i risparmi potenziali della nuova procedura e mappare l’utilizzo da parte delle imprese delle tecnologie informatiche necessarie per partecipare alle gare senza carta (casella Pec, firma digitale, smart card).

.

.

Economia, Emilia Romagna, Formazione, Giovani, Innovazione, Pedagogia, Pubblica Amministrazione, Regioni, Scuola, Società della Conoscenza

Strategie per l’innovazione dell’istruzione e formazione professionale: news dalla Regione Emilia Romagna e Unione Europea

L’Emilia Romagna prepara una nuova legge sulla formazione e la Commissione europea presenta le nuove prospettive per l’istruzione e la formazione professionale.

Se la Regione Emilia-Romagna intende rilanciare la propria iniziativa legislativa nell’ottica di un federalismo attivo e solidale, mettendo in cima all’agenda politica il tema della formazione, ecco come l’Unione Europea vuole trasformare l’immagine dell’istruzione e della formazione professionali in tutta Europa e meglio adattarle alla realtà odierna.

Nel territorio dell’Unione circa il 50% degli studenti dell’istruzione secondaria superiore ha scelto un indirizzo di studi di tipo professionale. Sta di fatto però che occorre modernizzare il settore per accrescerne l’attrattiva e farne un’opzione qualitativamente valida, tale da impartire ai giovani le abilità necessarie per trovare lavoro e agli adulti l’opportunità di aggiornare le loro competenze in tutto l’arco della vita lavorativa. I ministri dell’UE dovrebbero discutere e approvare il piano nel secondo semestre di quest’anno

I piani adottati dalla Commissione in data odierna delineano i diversi modi possibili per dare nuovo slancio all’istruzione e alla formazione professionali. Tra essi si annoverano:

  • assicurare che l’accesso alla formazione e alle qualifiche sia flessibile e aperto in tutte le fasi della vita;
  • promuovere la mobilità per rendere più agevole fare esperienza all’estero o in un diverso settore dell’economia;
  • assicurare che l’istruzione e la formazione abbiano una qualità quanto più alta possibile;
  • dare maggiori opportunità ai gruppi svantaggiati come ad esempio coloro che hanno abbandonato prematuramente la scuola, le persone a bassa qualifica e i disoccupati, coloro che hanno un retroterra di emigrazione e i disabili;
  • stimolare negli studenti un modo di pensare creativo, innovativo e imprenditoriale.

Un piano decennale

I piani della Commissione sono ispirati agli obbiettivi della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente e inclusiva e interagiranno anche con l’imminente iniziativa “Gioventù in movimento” che promuoverà più ampie opportunità di apprendimento e mobilità a vantaggio di tutti i giovani.

Essi rappresentano il contributo della Commissione a un nuovo programma decennale di riforme che rientra nel processo di Copenaghen sulla promozione di una maggiore cooperazione in tema di istruzione e formazione professionali. A dicembre il Commissario Vassiliou e i ministri dell’UE responsabili per l’istruzione e la formazione professionali si riuniranno a Bruges, Belgio, con rappresentanti dei datori di lavoro e dei sindacati per definire un’ambiziosa agenda di modernizzazione da applicarsi nel prossimo decennio oltre a fissare obiettivi a breve termine che saranno sottoposti a regolare revisione.

Il processo di Copenaghen per una maggiore cooperazione europea nel campo dell’istruzione e della formazione professionali è stato avviato nel 2002 ed è rinnovato con cadenza biennale. Esso ha promosso lo sviluppo di una strategia comune della valutazione basata sui risultati piuttosto che sulla durata degli studi o sul tipo di istituzione.

Per saperne di più: